Melbourne – La mostra dell’artista Adele Ceraudo inaugurata oggi.

MELBOURNEPUNTOIT.COM – The Italian NewsPaper of Melbourne –

Ha aperto i battenti oggi la mostra d’arte -Affinità elettive. I grandi dipinti del Rinascimento Italiano reinterpretati da una prospettiva femminile – che rimarrà aperta al Graham Geddes Expo, 828 High St, ad Armadale fino al 24 maggio.

L’artista italiana Adele Ceraudo presenta per la prima volta in Australia le sue rielaborazioni di alcuni quadri di Leonardo, Michelangelo, Caravaggio, Bernini ed altri rivisitati attraverso disegni creati con la penna biro. La mostra presenta tredici capolavori del rinascimento realizzati a mano dell’Artista e altrettanti quadri realizzati con metodi e supporti diversi che a tali quadri si ispirano.

La realizzazione di questa mostra e di tutte le opere ivi esposte è un percorso che parte da molto lontano per l’Artista. Tutto è iniziato da bambina quando passava ore a fare disegni piccolissimi con la penna biro. Successivamente, la passione per la storia dell’arte e i successivi studi alla facoltà di architettura abbinate alla sua incredibile capacità tecnica l’hanno portata a reinterpretare in chiave contemporanea e con notevole successo i grandi capolavori dell’arte rinascimentale. Tale rilettura dei classici è inoltre affinata dall’Artista attraverso la sua prospettiva prettamente femminile.

Ecco quindi che per Adele Ceraudo l’Uomo Vitruviano di Leonardo e gli altri soggetti maschili diventano donne che preservano la postura originale, ma presentano nei tratti e nelle sfumature una fragilità e un senso di precarietà che a ben pensarci sembrano esser sempre state nei dipinti originali, ma vengono qui rivelate dall’artista che ha saputo coglierle e imprimerle.

La mostra, supportata dal Consolato Italiano, dal Coasit, dall’Istituto di Cultura e dalla Camera di Commercio fa parte del progetto no profit “Gaia Project” recentemente premiato dal Presidente della Repubblica per il supporto dato dall’associazione allo scambio di giovani artisti figurativi fra Italia e Australia.

Siamo molto contenti di avere Adele qui con noi a Melbourne – ha dichiarato Giovanni Butera, membro dell’associazione a Melbourne – La nostra idea di base è creare il supporto e facilitare lo scambio fra Italia e Australia dei giovani artisti che promuovono i loro luoghi, la loro storia e il loro patrimonio culturale.  Siamo inoltre fiduciosi – prosegue Butera – che il successo di questa prima mostra possa darci la spinta ed il supporto per finanziare le prossime attività che sono già in progetto. La mostra inoltre avrà un carattere itinerante, saremo a Sydney a settembre e a Hobart per Natale.

A proposito di questa sua mostra personale in terra Australiana l’artista si è detta molto contenta ed soddisfatta. – E’ un grande onore per me essere qui a Melbourne, una terra così lontana dalla mia. Ho lavorato molto duramente da quando nel 2007 ho deciso di fare della mia passione e del mio dono in un mestiere –.

Ho iniziato esponendo nei caffè letterari – prosegue l’artista – chiedendo con grande umiltà di poter mostrare il mio lavoro. Un lavoro preciso e rivolto alla valorizzazione della bellezza e della forza femminile. Sono arrivata ad esporre alla Biennale di Venezia nel 2011 ed ora, sempre con la stessa umiltà continuo a presentare i miei progetti e le mie iniziative artistiche, e sociali. E’ stato molto faticoso ed estenuante – conclude l’artista – ma queste soddisfazioni come quella di oggi ripagano di tutti i sacrifici.

La mostra che terminerà il 24 maggio si trova qui e può essere visitata tutti i giorni lavorativi dalle 14 alle 17 e il weekend dalle 12 alle 17. (Andrea Buonaguidi)

Adele Ceraudo in mostra a Melbourne

———- ♦ ——— אמת ——— ♦ ———-

MELBOURNEPUNTOIT.com – The Italian NewsPaper of Melbourne

(Please Note: Melbourne Puntoit is not affiliate to any government agency, institution and/or committee and do not receive or use any public funds, neither Italians or Australian. It takes time to manage this website, If our contents have been in any way useful to you please consider making a small donation).

Source: Andrea Buonaguidi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Receive our NewsLetter

Check your email and confirm the subscription