Melbourne. La famiglia Trovatello premiata dal Console Italiano per l’eccellente qualità del loro olio d’oliva.

à MELBOURNEPUNTOIT.COM – The Italian NewsPaper of Melbourne –

“La produzione di olio d’oliva è una delle attività tradizionali italiane che hanno maggiormente marcato la nostra presenza nel mondo”: ha commentato così il Console Generale a Melbourne Marco Maria Cerbo la consegna del premio “Il Grande Olio d’Oliva 2015”, a seguito di una competizione che ha visto partecipare alcuni produttori di olio d’oliva italo-australiani.

La contesa, svoltasi in un contesto di cordialità e amicizia, è stata organizzata dal Consolato Generale e dal mobilificio Schiavello (il maggior produttore di arredi per ufficio in Australia), il cui titolare, di recente insignito di un’importante onorificenza italiana, è di origine calabrese e ha partecipato alla gara con il proprio olio. Nella splendida cornice di uno dei migliori ristoranti che si affacciano sul fiume Yarra di Melbourne, una giuria specializzata ha selezionato il migliore tra gli olii prodotti da sette famiglie di italo-australiani, tutte composte da importanti uomini d’affari e professionisti, che hanno i propri uliveti e producono olio, per passione e per mantenere un legame con le tradizioni delle loro terre d’origine: la Sicilia e la Calabria. Tutti gli olii partecipanti sono stati realizzati con macchinari italiani, per garantirne la qualità.

Il riconoscimento della giuria è andato alla famiglia Trovatello, originaria della cittadina di Nicastro, in provincia di Catanzaro. I fratelli Trovatello hanno un uliveto con ottomila alberi nella zona dei Macedon Ranges, una pittoresca area collinare a nord di Melbourne. La famiglia Schiavello, invece, ha ottenenuto il premio del pubblico presente all’iniziativa, che, ha potuto esprimersi votando il proprio olio preferito.

 

———- ♦ ——— אמת ——— ♦ ———-

MELBOURNEPUNTOIT.com – The Italian NewsPaper of Melbourne

(Please Note: Melbourne Puntoit is not affiliate to any government agency, institution and/or committee and do not receive or use any public funds, neither Italians or Australian. It takes time to manage this website, If our contents have been in any way useful to you please consider making a small donation).

Source: Consulate Media Release

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Receive our NewsLetter

Check your email and confirm the subscription